Calcolo TASI Completo

Istruzioni per la compilazione dei campi

Prima Casa

Seleziona "Si" se sei tu il proprietario dell'immobile e lo utilizzi come abitazione principale ossia come "prima casa".
L'applicazione calcolerà in questo caso sia la TASI dovuta dal proprietario, sia la TASI dovuta dall'inquilino o dall'occupante, in base alla percentuale di ripartizione stabilita dal Comune.
Se sei l'inquilino imposta i parametri come se fossi il proprietario: seleziona come stato dell'immobile "Affittato" e indica se l'immobile in affitto è per te la prima casa (campo "Come Prima Casa").
Novità
La legge di stabilità 2016 ha previsto l'esclusione dalla TASI sia per il possessore che per l'occupante di un immobile adibito come prima casa, ad eccezione delle abitazioni di lusso classificate nelle categorie catastali A/1, A/8 e A/9.
NOTA:
La quota parte della TASI è dovuta dall'inquilino solo se si tratta di abitazione di lusso oppure di abitazione non occupata come prima casa.

Stato Immobile

Indica lo stato dell'immobile in relazione ad eventuali contratti stipulati con terze parti (contratto di locazione, comodato o leasing).
L'applicazione calcolerà sia la TASI dovuta dal proprietario che la TASI dovuta dall'inquilino o dall'occupante, in base alla percentuale stabilita dal Comune.
In caso di locazione temporanea dell'immobile (fino a sei mesi nello stesso anno) la TASI è dovuta solo dal proprietario e pertanto seleziona "Libero".
Analogamente, se il Comune ha esentato i conduttori o gli occupanti dal versamento della TASI seleziona "Libero".
NOTA: in caso di leasing immobiliare la TASI è dovuta esclusivamente dal conduttore.

Come Prima Casa

Indica se l'immobile (in affitto o in comodato) è utilizzato dall'occupante o dal comodatario come prima casa (abitazione principale).
Nota: il comodatario è colui che utilizza un'abitazione concessa in comodato. Novità:
La legge di stabilità 2016 ha esteso anche agli inquilini l'esenzione dal versamento della TASI se l'immobile è adibito a prima casa.

Canone Concordato

Seleziona "Si" se l'immobile è affittato a canone concordato (Legge 431/1998).
Indica inoltre il numero di mesi nell'anno nei quali l'immobile è stato concesso in locazione a canone concordato. Un periodo maggiore o uguale a 15 giorni si considera come mese intero.
Novità:
La legge di stabilità 2016 ha introdotto la riduzione del 25% della TASI calcolata con l'aliquota comunale per tutti gli immobili concessi in locazione a canone concordato.

Riduz. Comodato

Seleziona "Si" se l'immobile in comodato può usufruire della riduzione del 50% sull'imponibile TASI prevista dalla legge di stabilità 2016.
Le condizioni per beneficiare della riduzione sono:
1) l'immobile è concesso in comodato come prima casa;
2) il contratto deve essere registrato (occorre versare la tassa di registro);
3) il comodante deve possedere un solo immobile in Italia;
4) il comodante deve risiedere anagraficamente e dimorare abitualmente nello stesso comune in cui è situato l'immobile concesso in comodato.
Indica inoltre il numero di mesi nell'anno nei quali l'immobile è stato concesso in comodato beneficiando della riduzione. Un periodo maggiore o uguale a 15 giorni si considera come mese intero.

Quota Occupante

Seleziona la percentuale della TASI a carico dell'inquilino o dell'occupante.
Il valore da inserire nella maschera è quello dovuto dall'inquilino o dall'occupante; la parte rimanente è a carico del proprietario.
La percentuale è stabilita dal Comune e può variare tra il 10% e il 30%.
Se il Comune non ha deliberato la percentuale di ripartizione inserisci il valore minimo del 10% (D.L. n. 88/2014).
In caso di leasing la TASI è dovuta esclusivamente dal conduttore ed il campo non è visibile.
Novità
La legge di stabilità 2016 ha previsto l'esclusione dalla TASI anche per l'inquilino o il comodatario di un'abitazione adibita come prima casa, fatta eccezione per gli immobili di lusso classificati nelle categorie catastali A/1, A/8 e A/9.
Nota: il comodatario è colui che utilizza un'abitazione concessa in comodato.

Rendita Catastale

Inserisci la rendita catastale non rivalutata dell'immobile.
La rendita può essere reperita nell'ultima dichiarazione dei redditi o consultata online sul sito dell'Agenzia del Territorio.
Importante: la rendita catastale non va confusa con il valore di mercato dell'immobile.

Valore Venale

Per i terreni edificabili, detti anche aree fabbricabili, inserisci il valore venale del terreno, anziché la rendita catastale.

Reddito Dominicale

Per i terreni agricoli inserisci il 'reddito dominicale'.

Aliquota TASI

Inserisci l'aliquota TASI stabilita dal Comune in cui è ubicato l'immobile.
Se cancelli il campo, la TASI sarà calcolata con l'aliquota base pari all' 1 per mille.
NOTA: poiché i Comuni hanno la facoltà di azzerare la TASI, l'aliquota può anche essere uguale a zero ma in questo caso non viene utilizzata quella base.
Questo è utile per calcolare l'IMU in un Comune che ha azzerato l'aliquota TASI.

Aliquota IMU

Inserisci l'aliquota IMU stabilita dal Comune in cui è ubicato l'immobile.
Cancellando il campo, l'IMU viene calcolata applicando l'aliquota base.
Poichè la somma della TASI e dell'IMU non può superare il valore massimo previsto dalla legge sull'IMU (più lo 0,8 per mille), i valori delle aliquote sono corretti automaticamente qualora dovessero risultare superiori al limite sopra indicato.

Quota Possesso

Inserisci la percentuale di possesso dell'immobile.
Compila il campo solo se vi sono più titolari dell'immobile (ad es. più proprietari, più usufruttuari ecc.); in caso contrario lascia il valore predefinito del 100%.

Mesi Possesso

Indica il numero di mesi durante i quali si è protratto il possesso dell'immobile.
Utilizza questo campo anche per indicare il periodo di tempo in cui hai usufruito dell'immobile nella destinazione d'uso specificata (ad esempio prima casa o seconda casa).
Un periodo maggiore o uguale a 15 giorni si considera come mese intero.

Esempio:
Appartamento acquistato il 20 settembre:
- La TASI è dovuta solo dal mese di ottobre al mese di dicembre (possesso = 3 mesi).

N ° Pertinenze

Indica il numero complessivo di pertinenze dell'immobile.
Per ciascuna pertinenza inserisci la rendita catastale non rivalutata e indica la percentuale possesso solo se diversa dal 100% oppure i mesi di possesso se inferiori a 12 (in caso contrario puoi lasciare vuoti entrambi i campi).
Le pertinenze appartengono alle categorie C/2, C/6 e C/7.
Ricorda che puoi abbinare alla prima casa una sola pertinenza per ciascuna categoria tra quelle sopra elencate (ad esempio un solo garage, una sola cantina ecc.) fino ad un massimo complessivo di tre pertinenze.
Per le altre pertinenze non si possono applicare le eventuali agevolazioni prima casa.
Attenzione:
Se una pertinenza è registrata al catasto congiuntamente alla prima casa non deve essere inserita nella maschera ma incrementa comunque il numero complessivo di pertinenze disponibili (come se fosse stata inserita).
Ad esempio, se una soffitta (cat. C/2) è registrata al catasto assieme alla prima casa, non si possono considerare altre pertinenze di cat. C/2.

Detrazione Tasi

Inserisci l'eventuale detrazione TASI stabilita dal Comunue per l'immobile.

Detrazione Imu

Inserisci la detrazione IMU stabilita dal Comunue per l'immobile.
Lasciando vuoto il campo sarà utilizzata la detrazione base pari a € 200,00.

Titolari Detrazione

Indica il numero complessivo di titolari che hanno diritto alla detrazione prima casa.
Il campo è attivo solo se si imposta una quota di possesso diversa dal 100%. Attenzione:
E' necessario indicare il numero dei soli titolari dell'appartamento che hanno diritto alla detrazione.
Se ad esempio un titolare non ha la residenza anagrafica nell'immobile non può usufruire della detrazione TASI per la prima casa e quindi non va conteggiato tra i titolari aventi diritto alla detrazione.
Alcuni possibili esempi relativi alla contitolarità della detrazione per la prima casa:
  • 1 titolare se vi è un unico proprietario della prima casa.
  • 1 titolare se vi sono due proprietari ma l'altro è residente altrove.
  • 2 titolari se anche il coniuge (o il convivente) è proprietario della prima casa.
  • 3 titolari se la prima casa è intestata al figlio e ai genitori, purchè tutti siano conviventi e residenti nella stessa abitazione.

Inagibilita'

Seleziona "Si" se l'immobile è stato dichiarato inagibile o inabitabile nel periodo di possesso.
NOTA: l'inagibilità si riferisce anche a tutte le eventuali pertinenze dell'immobile.
La riduzione della base imponibile per la TASI e per l'IMU è del 50% in proporzione al numero di mesi in cui si è protratta la condizione di inagibilità.
Imposta il numero di mesi di inagibilità nel campo "mesi".
Se la condizione di inagibilità si è protratta per almeno 15 giorni il mese si considera come intero.

Interesse Storico

Seleziona "Si" se l'immobile è stato dichiarato di interesse storico o artistico.
In questo caso è prevista una riduzione dell' imponibile TASI e IMU pari al 50%. NOTA: la caratteristica si intende riferita anche a tutte le eventuali pertinenze dell'immobile
.
TASI: appuntamento con la scadenza di giugno 2016

TASI: appuntamento con la scadenza di giugno 2016

Mentre si attende sul fronte legislativo un intervento di riordino della tassazione sugli immobili, di cui però non abbiamo più notizie da diverso tempo, anche quest'anno arriva puntuale la scadenza per il versamento della prima rata della TASI che, ricordiamo, è il 16 giugno 2016.

E' possibile ...

[...]

Martedi 31 Maggio 2016 Articolo letto: 1365 volte
TASI: le novità 2016

TASI: le novità 2016

Aggiornate le applicazioni di calcolo.

In sintesi le novità sulla TASI previste dalla legge di stabilità 2016 e le modifiche introdotte nelle nostre applicazioni di calcolo.

Com'è noto, la legge di stabilità 2016 (L. n. 208/2015) ha introdotto diverse novità in materia di imposta ...

[...]

Mercoledi 9 Marzo 2016 Articolo letto: 4059 volte
TASI e riduzione del 50% per immobili in comodato: il Ministero chiarisce

TASI e riduzione del 50% per immobili in comodato: il Ministero chiarisce

Il Ministero dell'Economia e delle Finanze ha pubblicato la risoluzione n. 3946 del 17/02/2016 nella quale spiega le condizioni per poter usufruire della riduzione del 50% sulla TASI in caso di immobile concesso in comodato ai familiari.

Com'è noto l’art. 1, comma 10, della legge di ...

[...]

Venerdi 26 Febbraio 2016 Articolo letto: 1821 volte
Come e quando si versa la TASI

Come e quando si versa la TASI

Come si versa la TASI. Il versamento della TASI è effettuato, in deroga all'articolo 52 del decreto legislativo n. 446 del 1997, secondo le disposizioni di cui all'articolo 17 del decreto legislativo 9 luglio 1997, n. 241, ovvero tramite apposito bollettino di conto corrente postale al ...

[...]

Mercoledi 14 Maggio 2014 Articolo letto: 14638 volte
Come si calcola la TASI

Come si calcola la TASI

La base imponibile. Come per ogni imposta è necessario prima di tutto determinare quella che viene definita la "base imponibile", ovvero il valore su cui applicare l'aliquota prevista. Per quanto riguarda la TASI, la base imponibile è quella per il calcolo dell'imposta municipale ...

[...]

Sabato 3 Maggio 2014 Articolo letto: 18505 volte
Chi deve pagare la TASI

Chi deve pagare la TASI

Chi è tenuto al versamento della TASI. Il presupposto impositivo della TASI è il possesso o la detenzione, a qualsiasi titolo, di fabbricati e di aree edificabili, come definiti ai sensi dell'imposta municipale propria (IMU), ad eccezione della prima casa (a partire dal 2016) se non ...

[...]

Mercoledi 23 Aprile 2014 Articolo letto: 13053 volte
UN PROGETTO di TUTTOIMU.it

CalcoloTasi.it: risorse per il calcolo della TASI, la tassa sui Servizi Indivisibili.

Pagina generata in 0.121 secondi