TASI: appuntamento con il saldo di dicembre 2015

Articolo letto: 1499 volte

Inesorabile come ogni anno si avvicina la scadenza per il versamento della seconda (e ultima) rata della TASI che, come prevede la normativa, cade il 16 dicembre di ogni anno.

Nessuno slittamento quindi anche per il 2015, dato che il 16 dicembre cade di mercoledì e quindi non è un giorno festivo.

Con tutta probabilità per molti contribuenti, in particolare per i proprietari della prima casa, questa sarà l’ultima scadenza per la TASI, perché la legge di stabilità 2016 ha previsto l’ esenzione dell’imposta per questa tipologia di abitazioni, anche se bisogna dire che la partita è ancora aperta considerati i malumori provenienti dall’Europa che non vedono di buon occhio l’abolizione in  toto dell’imposta, anche se solo per le abitazioni principali.

 

Ricordiamo che il versamento della TASI si effettua in due rate di pari importo, con scadenze semestrali ed è comunque possibile il pagamento dell’imposta in unica soluzione entro il 16 giugno di ogni anno.

Le regole per il calcolo del saldo non sono cambiate rispetto all’anno scorso.

La rata di saldo si determina facendo la differenza tra l’importo della TASI calcolato con l’ultima aliquote deliberata dal Comune e quanto versato in acconto a giugno.

Questo vale anche per chi ha versato la TASI in un’unica soluzione: se l’aliquota è aumentata rispetto a quella in vigore a giugno 2015, dovrà comunque essere fatto un nuovo calcolo e versato il conguaglio calcolato per differenza

 

Bisogna fare quindi attenzione a quale aliquota considerare per il calcolo.

L’aliquota valida è l’ultima approvata dal Comune entro il 30 luglio 2015 (attenzione alla data!) e pubblicata sul sito del dipartimento delle Finanze entro il 28 ottobre 2015.

In caso di delibere emanata dopo il 30 luglio (o approvata prima del 30 luglio ma pubblicata dopo il 28 ottobre) si applicherà l’aliquota valida per il 2014 e quindi il saldo sarà per forza uguale all’acconto.

In quest’ultimo caso chi ha versato la TASI in un’unica soluzione a giugno non dovrà versare nulla come saldo.

 

La scadenza del 16 dicembre riguarda anche l’IMU (abitazioni e terreni agricoli) con le stesse modalità di calcolo e ripartizione nelle due rate.

Pubblicato da: Redazione

scadenze,aliquote
UN PROGETTO di TUTTOIMU.it

CalcoloTasi.it: risorse per il calcolo della TASI, la tassa sui Servizi Indivisibili.

Pagina generata in 0.036 secondi